La bellezza viene (anche) da dentro

Ci sono cibi che più di altri possono aiutarci a tenere in forma il nostro intestino, e di conseguenza giovare all’aspetto esteriore della nostra pelle. La nostra bellezza passa (anche) dalla pancia.

Nel corso della nostra storia il nostro modo di alimentarci è cambiato innumerevoli volte. Oggi abbiamo una varietà di diete pressoché sterminata tra cui scegliere, che promettono benessere, perdita di peso, aiuto nell’accrescimento della massa muscolare o un valido sostegno a terapie mediche in corso. C’è una dieta per ogni necessità e per ogni scopo: alcune propongono di eliminare il glutine, altre le carni rosse, altre di limitare fortemente l’apporto di carboidrati, altre ancora abbracciano un’alimentazione che somiglia a quella dei nostri antenati nel paleolitico. Ognuna di queste scelte alimentari ha un effetto sul nostro organismo, e può aiutarci a raggiungere questo o quello scopo, che ci siamo prefissati. Ma anche per quanti tra di noi non sentissero la necessità di abbracciare una dieta in particolare, un’alimentazione il più possibile equilibrata e varia è parte integrante di uno stile di vita sano.

L’intestino è il nostro specchio

Il modo in cui ci alimentiamo influisce non solo sulle nostre funzioni fisiologiche, ma anche sull’aspetto esteriore della nostra pelle. Dobbiamo tenere a mente che l’intestino, dopo la pelle, è il nostro più grande filtro con l’esterno: fa da tramite tra noi e il mondo circostante e svolge una serie infinita di funzioni e operazioni vitali. Da un intestino sano dipende la salute generale del corpo e della mente: una corretta digestione innanzitutto, ma anche un sistema immunitario al massimo della sua forza, nonché la nostra salute psicofisica. Prendercene cura è fondamentale per sentirci forti e al meglio.

L’asse GBA (gut-brain axis)

Il nostro apparato digerente è anche chiamato “il secondo cervello”, poiché è la sede del sistema nervoso enterico. Oggi sappiamo che esiste un "asse intestino-cervello" attraverso il quale il nostro microbiota intestinale interagisce direttamente scambiando informazioni con le nostre cellule cerebrali. Questo significa che il nostro centro cognitivo e il nostro centro emozionale sono collegati con l’intestino. La comunicazione è bidirezionale, ovvero procede sia dal cervello all’intestino, sia viceversa. L’intestino sarebbe in grado di interagire anche con neurotrasmettitori come la serotonina e il GABA.

Questo concetto secondo cui l’intestino sarebbe il centro nevralgico del nostro benessere fisico, ma anche mentale, non è un concetto moderno, ma era già noto dai tempi di Ippocrate.

Piccoli passi per un intestino sano

Con qualche piccolo accorgimento è possibile supportare il nostro intestino a svolgere le sue complesse funzioni indisturbato, magari facilitandogli il compito laddove è possibile.

Questi solo alcuni piccoli e semplici passi che possiamo mettere in pratica ogni giorno per assicurarci che la nostra alimentazione sia di aiuto al nostro “secondo cervello”.

  • Fibre: assumere una quantità sufficiente di fibre è importante per mantenere un buon transito intestinale ed evitare l’accumulo di tossine all’interno del nostro corpo troppo a lungo. Questo potrebbe avere diversi effetti negativi, anche sul nostro aspetto esteriore, dunque è bene assicurarsi di assumere una quantità sufficiente di frutta e verdura fresche e legumi.
  • Acqua: Per il nostro intestino l’acqua è fondamentale, proprio come per qualsiasi altro organo. Da questa è in grado di assorbire vitamine e sali minerali preziosi, ed è di grande importanza per mantenere il tratto intestinale pulito e attivo.
  • Razionare zuccheri in eccesso e cibi altamente processati: non sono l’ideale per nessuna parte del corpo, tantomeno per il nostro intestino. Sarebbero da evitare per la loro carenza di macronutrienti, e per la presenza spesso e volentieri di conservanti e sostanze generalmente poco salutari.
  • Yoghurt, kefir, kombucha e in generale gli alimenti fermentati sono ottimi per la nostra flora batterica intestinale, e secondo alcuni studi promuovono il benessere del microbiota intestinale, avendo ripercussioni positive sulla salute in generale.

Un’altra eccellente fonte di supporto al nostro organismo viene dall’alimentazione integrativa, ovvero dalla scelta di nutraceutici efficaci, formulati per sostenere il nostro organismo sia reintegrando preziosi elementi naturali come vitamine, acido ialuronico, collagene ed altri, e supportare importanti funzioni fisiologiche, sia fornendo sostanze antiossidanti in grado di contrastare stress ossidativo e processi infiammatori.

Fonti

Asse intestino cervello: una review per capire a che punto siamo arrivati” in MicroBioma.it, 14 Ottobre 2019 https://microbioma.it/neuroscienze/asse-intestino-cervello-una-review-per-capire-a-che-punto-siamo-arrivati/

Alimenti fermentati: una fonte di batteri che migliora la salute intestinale” in MicroBioma.it, 3 Luglio 2020 https://microbioma.it/alimentazione/alimenti-fermentati-una-fonte-di-batteri-che-migliora-la-salute-intestinale/

Pasolli,  De Filippis,  Mauriello,  Cumbo,  Walsh,  Leech,  Cotter,  Segata & Ercolini, “Large-scale genome-wide analysis links lactic acid bacteria from food with the gut microbiome” in Nature Communication, 2020 https://www.nature.com/articles/s41467-020-16438-8

Aeqium Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi uno sconto di €25 per il Discovery Set.

Accedi a vantaggi esclusivi, anteprime sui nuovi prodotti, suggerimenti dai nostri esperti: ogni messaggio è un piccolo contributo alla tua bellezza.